Ciao! Oggi ho deciso di mostrarti un esercizio ottimo, semplice e veloce da svolgere per aiutarti a rendere la tua schiena più elastica! Sto parlando dell’esercizio del gatto, vediamo nel dettaglio!

Non sei il solo a soffrire di mal di schiena. Gli ultimi studi hanno evidenziato che sono ormai tante le persone a soffrire di mal di schiena, soprattutto perché nessuno ha indagato la vera ragione di questo dolore. La tua schiena, infatti, ha bisogno della giusta diagnosi, e io potrei fare al caso tuo. Ma prima di questo, vediamo come alleviare i dolori alla schiena con qualche semplice esercizio.

Ovviamente ti basta fare una semplice ricerca online per trovare questo esercizio e sai che può essere un toccasana per la schiena. Quello che non sai però, sono certo, che non è la soluzione per il tuo mal di schiena. Più volte l’ho ripetuto nel mio sito, sui miei social. Il mal di schiena non può essere curato con dei semplici esercizi, perché non è una malattia. È un sintomo che nasconde dietro di se un problema che devi indagare. E allora perché consigliarti questo esercizio? Perché può essere davvero un toccasana per migliorare il tuo mal di schiena. Ovviamente se fatto nel modo corretto, si rischia di avere l’effetto contrario.

Perché è importante questa posizione?

La posizione del gatto è importante perché si tratta di una posizione semplice, che può essere praticata da tutti. Non hai, infatti, bisogno di particolari attrezzi per svolgere questo esercizio e puoi farlo direttamente a casa, sul pavimento. Diventa così semplice curare la tua schiena, una cosa quotidiana.

La posizione del gatto ti permette di migliorare l’elasticità della schiena, ti dà la possibilità di rendere più flessibile e meno rigida la colonna vertebrale, il collo e le spalle. Sono queste le parti del tuo corpo più sensibili, soprattutto dopo una giornata di lavoro, quelle che più facilmente possono subire un blocco.

La posizione del gatto e la sua elasticità, ti permetterà di allungare i muscoli: sia quelli anteriori dell’addome, che quelli posteriori che sostengono la schiena e anche rinforzarli.

Per questo motivo, l’esercizio del gatto  ha un effetto anche sulla postura: la migliora è ti permettrà di prendere coscienza e confidenza con il  tuo corpo, aiutandoti a muovere anche quelle zone rigide rigide che non muovi mai.

Siccome l’esercizio è incentrato sul movimento del bacino e del dorso, ti permette di mobilizzare e tonificare la parte bassa dell’addome. Gli effetti  benefici sull’apparato digerente saranno tanti, l’intestino e gli organi riproduttivi ne trarranno benefici. È un ottimo esercizio, infatti, per alleviare i dolori mestruali e regolarizzare il ciclo mestruale.

Alcuni controindicazioni/errori da evitare

  • La posizione è da evitare in caso di anterolistesi o posterolistesi.
  • Se in questo momento hai molto dolore e sei “bloccato” è meglio evitare la pratica di questo esercizio e iniziare appensa ti senti un po’ meglio.
  • Se soffri di problemi al collo, come ad esempio di cervicalgia durante l’esercizio evita di evitare alzare eccessivamente la testa verso l’alto (basta mantenere lo sguardo frontale)
  • Controllate di avere il peso ben distribuito sia sul lato destro che sinistro del corpo perché succede frequentemente che ci si sbilanci.
  • Spesso, inoltre, si tende a piegare i gomiti durante la fase di transizione: accertatevi che le braccia stiano diritte per tutta la durata dell’esercizio.
  • Chi ha i polsi deboli o fastidi al tunnel carpale: se il peso sui polsi diventa eccessivo, in alternativa potete appoggiare gli avambracci su un piccolo rialzo.

È un’ottima posizione anche per le donne in gravidanza fino ai tre-quattro mesi: spesso, l’aumento di peso può causare dolore nella parte bassa della schiena e la posizione del gatto aiuta a rafforzare i muscoli lombari e ad allungare delicatamente la colonna vertebrale. Dopo il terzo, quarto mese è meglio evitarlo in quanto il la pancia risulta già pesante e questo esercizio andrebbe a sovraccaricare la schiena.

É sufficiente praticare 4-5 cicli completi al mattino e alla sera perché questo investimento di pochi minuti ti porti beneficio notevole alla salute.

Come effettuare la posizione del gatto?

La posizione del gatto prevede due fasi.

  1. Posizione di partenza

A quattro zampe le ginocchia siano alla larghezza dei fianchi, le braccia dritte e perpendicolari alle spalle e la testa in linea con la colonna.

2) Prima fase

Espirando, abbassate la testa e portate il mento verso la gola; contemporaneamente sollevate la schiena verso l’alto formando una “gobba”. Mentre distendete lentamente la colonna, spingete l’ombelico verso l’alto contraendo i muscoli addominali (così da alzare al massimo la zona scapolare) e rivolgete invece il coccige verso il basso, mantenendo i glutei leggermente contratti.

3) Seconda fase

Inspirate profondamente e, contemporaneamente, sollevate la testa lentamente guardando verso l’alto. Per accentuare i benefici della posizione del gatto alzate al massimo la parte alta della schiena, tenendo le spalle ben lontane dalle orecchie e spingendo il coccige il più possibile verso il soffitto.

Vuoi scoprire se stai facendo l’esercizio nel modo giusto? Clicca qui

Se vuoi risolvere definitivamente il mal di schiena ti aspetto in studio.

Scopri come alleviare il tuo mal di schiena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Privacy Policy Cookie Policy