So che parliamo di mal di schiena ma ricordi la pubblicità di una noto Tour Operator che dice, a un gruppo di sfortunati turisti mal organizzati:

“Turista fai da te? Ahi ahi ahi!”

Bene, oggi io sono così con te. Sono la persona che ti sta guardando e ti sta dicendo:

“No Sistema Schiena? Ahi ahi ahi!”

No, non sono impazzito…o forse si?

Parliamo seriamente: ti è mai capitato di rimanere bloccato dal mal di schiena? Sicuramente, anzi, al 100%, avrai cercato una soluzione immediata che ti permettesse di stare bene subito.

Ma subito significa definitivamente? No. Te lo assicuro. È tutta colpa della pubblicità che ci ha fatto credere di avere la soluzione nel nostro armadietto dei medicinali. Perché siamo dei polli ogni volta che si tratta di medicina. Cerchiamo tutto e subito senza riflettere che ci è già capitato di avere il mal di schiena, abbiamo preso le medicine e non è cambiato nulla. Quindi perché la volta successiva la medicina dovrebbe essere risolutiva?

Cosa fare?

Vabbé, starai sicuramente pensando questo. Effettivamente le soluzioni a cui puoi riferirti sono due:

  • andare da un medico generico e cercare una soluzione medica che possa darti una cura con un arco di durata maggiore;
  • venire da me in studio e seguire il percorso di Sistema Schiena.

Non sto esagerando, le soluzioni sono davvero solo queste! Anzi no, ripensandoci, posso darti qualche piccolo consiglio per far si che i tuoi medicinali possano aumentare il raggio d’azione delle medicine.

Attenzione però, questi consigli non sono assolutamente una cura definitiva. Sai perché? Te l’ho detto tantissime volte ormai…il mal di schiena è solo un sintomo e nasconde qualcosa di più profondo che, se non curato, non ti farà mai passare il dolore!

#1 Movimenti sbagliati

CIT. La causa del mal di schiena è della posizione sbagliata nel sollevare i pesi.

Pensaci. Può essere davvero il sollevamento pesi la causa del mal di schiena? E i body builder come fanno? Soffrono di mal di schiena acuto? Mah…ovviamente no. Dietro ogni blocco, al contrario, c’è sempre una situazione che sovraccarica la schiena e che è lì da tempo.

Ti faccio un esempio per capire quello di cui sto parlando. Immagina che la tua schiena sia una stanza piena di metano in cui entri con un fiammifero. Se la stanza esplode è colpa del fiammifero? No, è colpa del gas perché sta nella stanza ed è infiammabile. L’esplosione sarebbe potuta nascere anche da un cortocircuito, da una scintilla del fornello…insomma, da varie cose! Accade la stessa cosa anche con la schiena. Quando ti blocchi non è perché hai fatto un movimento sbagliato ma perché c’è qualcosa che “provoca” l’infiammazione della schiena.

Quello che devi evitare è:

  • stare troppo tempo nella stessa posizione;
  • fare poco movimento;
  • avere una muscolatura poco allenata;
  • essere sempre in tensione emotiva;
  • sollevare pesi in modo inadeguato.

Ne ho parlato anche nella mia guida “32+1 consigli per il mal di schiena” CLICCA QUI

#2 Camminare si, camminare no

Ok, abbiamo capito che i pesi non fanno male alla schiena e che i movimenti devono essere fatti nel migliore dei modi. Abbiamo anche specificato che la muscolatura deve essere ben allenata. Un secondo trucco per migliorare la cura della tua schiena è camminare.

CIT. Oscar ma sei impazzito? Con il mal di schiena si sta a letto!

Vabbé ma io cosa sono un incompetente? Sto qui a spazzolare le bambole o a studiare il mal di schiena? La seconda, ecco perché ti dico che l’inattività indebolisce la muscolatura, meno muscoli attivi significano meno stabilità e quindi dolore assicurato. Puoi risolvere con una camminata giornaliera di 15 minuti (anche fino a 60 minuti) in piano con carico minimo. Questo ti permetterà:

  • ridurre l’infiammazione;
  • la lubrificazione cellulare;

Prova!

#3 Scarico posturale: sai di cosa parliamo?

Qui sono molto tecnico così capisci subito di cosa sto parlando.

Sdraiati sulla schiena su un tappeto e appoggia i polpacci su una sedia in modo da formare due angoli da 90°. Mantieni la posizione per 10-15 minuti e ottieni questi benefici:

  • favorisci il rilassamento muscolare;
  • allenta la tensione muscolare che agisce sulla schiena;
  • favorisci i processi antinfiammatori di strutture come i dischi vertebrali e le articolazioni tra una vertebra e l’altra.

# Il trucco della fascia lombare

Una fascia lombare semirigida può aiutarti a dare un sostegno efficace alla colonna vertebrale. La fascia deve essere, però, usata per un tempo limitato (al massimo per un paio di giorni) solo quando il dolore è davvero forte.

Perché usarla? I benefici sono:

  • aumento della pressione addominale;
  • riposo la muscolatura che sostiene la schiena.

#4 Caldo e freddo

#5 Tens: transcutaneous electrical nerve stimulation

Nulla di mistico e trascendentale. Non stiamo parlando di navicelle spaziali per portare sulla luna il tuo mal di schiena. la Tens è un’apparecchiatura utilizzata in terapia fisica.

I benefici della TENS sono:

  • ridurre gli stimoli dolorosi attraverso la stimolazione di fibre nervose.

La TENS ovviamente non fa miracoli e può essere utilizzata per 1-2 ore al giorno, con pochissime controindicazioni. Ti ricordo però la controindicazione ASSOLUTA: non può essere utilizzata da persone che hanno il Pacemaker.

#6 streching dolce far movimento

Quando all’inizio ho detto che puoi fare del movimento ovviamente non parlavo di una attività fisica prolungata e pesante. Nella fase acuta di un mal di schiena è preferibile limitarsi ad esercizi leggeri e che non peggiorino la tua situazione. Fai cosi, tieni presente questo:

  • non devi avere dolore mentre fai l’esercizio;
  • il dolore non deve aumentare subito dopo l’esercizio;
  • il dolore non deve aumentare nelle ore immediatamente successive all’esercizio;

Ti ho dato tutti gli strumenti?

Ovviamente no, perché come faccio a curarti tramite qualche semplice esercizio fisico un sintomo, senza individuare la vera causa? Per questo ho bisogno di vederti e per tutto il mese di Giugno la prima visita, quella di consulenza, è gratuita.

Ti aspetto in studio.

Mal di schiena? Ahi Ahi Ahi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Privacy Policy Cookie Policy