Un esercizio con l’ombelico potrebbe risolvere il tuo mal di schiena

 

Oggi ti spiego un esercizio davvero semplicissimo e che non richiede fatica per risolvere il tuo mal di schiena.

Prima di poterlo fare è importante che tu sappia effettuare la respirazione diaframmatica.

Se sei nuovo del blog e non sai come farla trovi le istruzioni qui.

 

Se invece mi segui da un po’ oltre a saper come respirare con il diaframma avrai sicuramente imparato che la schiena non è quasi mai  il problema e che la vera causa del mal di schiena è sempre la Causa Primaria.

Ognuno ha la sua causa primaria ma alcune sono comuni a molte persone.

L’ombelico è proprio una di queste cause comuni che portano problemi ad un sacco di persone. Infatti, se ci pensi bene è la prima cicatrice che ci hanno fatto e come tutte le cicatrici può provocare delle aderenze o delle retrazioni nei vari strati della pelle.

Queste aderenze, come hai sicuramente letto in altri articoli possono provocare delle tensioni nella pelle, tensioni che noi non sentiamo ma che il nostro cervello percepisce e che nel tempo possono modificare la nostra postura o portare a rigidità alla schiena o ad altre articolazioni.

 

Ora ti spiego come si fa l’esercizio:

 

Arrotola una salvietta piccola, di quelle che di solito si usano in bagno, in modo che sia alta circa 3 dita.

Sdraiati in terra senza maglietta mettendo la salvietta sotto la schiena, appena sopra il sedere.

 

Cerca di stare dritto, con le gambe allungate e rilassate.

 

1) Inizia  ad effettuare la respirazione diaframmatica.

2)Nel momento dell’espirazione (quando butti fuori l’aria) premi gradualmente ma abbastanza a fondo sull’ombelico, il tuo dito dovrà scendere di un paio di centimetri.

3)Ora che sei sul fondo tira leggermente verso destra.

4)Nel momento dell’inspirazione (quando l’aria entra)  rilascia la pressione del dito.

 

Bene ripeti questo gesto per 20 respiri, dopodiché dovrai farlo anche nelle altre direzioni:

 

20 respiri premendo e andando verso sinistra;

20 respiri premendo e andando verso il pube;

20 respiri premendo e andando verso la testa.

 

L’esercizio va ripetuto per 10 giorni.

Se durante l’esercizio hai sentito pungere l’ombelico o una zona più lontana non ti preoccupare, va tutto bene.

Come ti stavo spiegando all’inizio dell’articolo l’ombelico è la prima cicatrice che ci hanno fatto. Quando si è chiusa la pelle ha “cambiato forma” e questa nuova forma può aver provocato alcune aderenze tra la pelle e i tessuti sottostanti.

Anche se tu non senti queste aderenze il cervello le percepisce.

Per scappare dalla sensazione che hai sentito il tuo tuo cervello potrebbe aver deciso di mettere in pratica qualche meccanismo di difesa. Ad esempio per non sentire pungere il tuo cervello potrebbe aver deciso di tenere sempre contratti alcuni muscoli o farti evitare alcune posizioni.

Ecco è così che la postura si modifica e che nel tempo appare il mal di schiena.

Non avendoti visitato e non conoscendo la tua storia ovviamente  non ti posso assicurare che l’ombelico sia la tua causa primaria o che questo esercizio risolva i tuoi problemi ma sicuramente ti farà bene. Bisognerebbe sempre controllare le cicatrici profonde anche se  non danno fastidio o dolore in quanto è sempre meglio avere meno tensioni possibili.

Se invece sei  fortunato e questa è la tua Causa primaria, risolvendo questa aderenza avrai sconfitto il mal di schiena

 

da solo

con un esercizio facilissimo

in pochi giorni

 

Se vuoi saper come guarire DEFINITIVAMENTE dal tuo mal di schiena

clicca qui

 

2 Comments

Add a Comment

Your email address will not be published.

Privacy Policy Cookie Policy